Notizie: la tua vita online è affar tuo, non tollerare intromissioni. Diventa esperto di tracciamento, #SmartOn (condividi su: / )

Autore Topic: Sito  (Letto 12317 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Kikko

  • Moderatore
  • Post: 460
Sito
« il: 31 Ottobre 2003 22:46:02 »
Ad un Mozilla Communication Project anteporrei la riorganizazzione/creazione di un sito che contenga tutto. Avere un sito funzionante, funzionale e gestibile con al suo interno Forum, Mailing List, sezioni dedicate ai vari prodotti credo sia il punto di partenza per un 'progetto comunicazione' di qualunqe tipo.
La domanda quindi: che si fa?

Offline Simone

  • Post: 18
Sito
« Risposta #1 il: 02 Novembre 2003 00:25:12 »
Si, da osservatore esterno sono pienamente d'accordo.
I prodotti di mozilla.org iniziano a diffondersi nel web italiano. Sarebbe una grossa perdita per MozDoesIT non affermarsi adesso come sito di riferimento per tutto ciò che è mozilla.org.
Il forum, per chi inizia ad usare Moz/FB/TB è uno strumento potentissimo, molto più della mailing-list.
Mi sembra che si stia facendo un ottimo lavoro, soprattutto su Firebird che è il futuro, però questo non deve essere a discapito di MozSuite e Thunderbird.
E' giusto che ci siano diversi gruppi che seguano separatamente i vari prodotti, ma il tutto deve rimanere unito.
Questo è il mio modesto parere...  :wink:

Offline karfis

  • Post: 9
    • http://www.morione.org/blade
Sito
« Risposta #2 il: 02 Novembre 2003 09:44:09 »
Concordo!  :D

Offline Michele Dal Corso

  • Post: 1321
Analisi e proposta
« Risposta #3 il: 02 Novembre 2003 16:17:27 »
Citazione da: karfis
Concordo!  :D


Da responsabile di Firebird e relativa documentazione sono assolutamente d'accordo con voi. Se notate, in questo forum e nella mailing list, è da un po' di tempo che spingo in questa direzione. Ho realizzato anche una prima bozza del nuovo sito di MozDoesIt, per ora con i contenuti vecchi, visibile qui: http://www.dalcorso.it/mozdoesit . Ho chiesto anche a qualcuno che fa il giornalista di professione (Massimo Z. e "Pito che urla") di iniziare a pensare ad una ristrutturazione/creazione dei contenuti.

Roberto (alias kikko), il Responsabile di Thunderbird, è d'accordo con noi e ha già proposto l'acquisto di un dominio di primo livello con relativo spazio.

Giovanni (alias Virtual Darkness), il responsabile del forum, è sempre d'accordo con noi, e come internet provider ci ha pure fatto una prima proposta economica.

I problemi al momento sono riassumibili così:

  • L'attuale gestione dei siti di mozdoesit è bloccata: solo Andrea ha accesso e disponibilità alle varie risorse, a partire dall'upload dei files delle release.
  • C'era in progetto la creazione di alcuni account per l'upload dei file sul serverone di download di m4d.sm ma tutto si è arenato.
  • C'era la disponibilità di avere un accesso cvs al sito di Mozdoesit, limitatamente alle pagine web, ma purtroppo lì cvs non funziona/funziona male. Inoltre trovo cvs eccessivamente macchinoso per eseguire degli stupidi aggiornamenti e molto difficile da usare per chi non ha capacità informatiche avanzate (trovo più efficienti le interfaccine php/msql con account multipli per caricare news/documentazione/contenuti da parte di più persone. Sono disponibile ad installarle personalmente).
  • L'acquisto di un nuovo dominio con annesso spazio da gestire liberamente in comunità (quindi scavalcando la situazione attuale completamente arenata di mozdoesit) pone altri problemi:
    1. Innanzitutto la banda/il traffico. Vi faccio notare che due giorni di esposizione sul mio sito personale dell'installer di Firebird 0.7 ha comportato un "consumo" di traffico di 1,5GB!! Tutto ciò considerando che FB era seminascosto e che per il momento è ancora poco popolare. La situazione in futuro potrebbe esplodere. Non ci si può fidare dei server ufficiali di mozilla.org perché la burocrazia esistente per quel sito è la stessa che vige ora su MozDoesIT e i file impiegano diversi giorni ad essere caricati (altro che era digitale...). In quei giorni il nostro spazio sarebbe sovraccaricato: negli spazi Web con buona banda si esaurirebbe immediatamente il traffico disponibile (rischiando così l'oscuramento del sito), negli spazi web a traffico illimitato (come Aruba) la banda sarebbe insufficiente e diverrebbe impossibile scaricare i file.
    2. L'aspetto economico è rilevante: per evitare i problemi del punto precedente è necessario "pagare". Non si può pensare di avere una soluzione accettabile con 25€ all'anno o giù di lì...
    3. L'eventuale dominio a chi andrebbe intestato? Le persone fisiche possono possedere al massimo un dominio .it, quindi è dificile che qualcuno di noi possa impegnarsi a metterci il nome per il dominio. Rivolgersi ad una Azienda si corre il rischio di perdere il controllo del dominio in futuro.


Questo è il punto della situazione.

La mia proposta attuale è: scrivere una lettera a Punto Informatico ufficiale del gruppo, in cui presentiamo il nostro lavoro e chiediamo aiuto. In cambio di una sponsorizzazione da parte di un'azienda (che potrebbe consistere nel fornirci lo spazio con le caratteristiche a noi necessarie), possiamo concedere l'inserimento nelle pagine di una pubblicità alla loro attività (un po' come fa mozdev.org con il loro fornitore di hosting).

A volte è sufficiente chiedere per avere qualcosa: credo che le aziende interessate ad una soluzione del genere possano essere molte. Per il dominio troveremo una soluzione di compromesso (ad esempio acquistare un .com o un .org anziché un .it e farcelo offrire).

Sono disponibile a scrivere personalmente a Punto Informatico. Ho già scritto e sono già stato pubblicato per altre materie: dato che Luca Schiavoni (uno dei principali giornalisti di PI) è un fan di Mozilla non credo vi siano problemi a far passare una richiesta di questo tipo.

Attendo vostre osservazioni/critiche/modifiche alla proposta.

Ciao!
Michele

PS: Personalmente invidio i nostri colleghi italiani di OpenOffice.org. Fin dall'inizio hanno avuto il dominio di terzo livello it.openoffice.org disponibile per le loro necessità, grafica e cms forniti direttamente dall'organizzazione, pubblicazione del proprio lavoro direttamente nell'home page principale di OpenOffice.org. Noi siamo praticamente ignorati da Mozilla.org. Trovare la versione Italiana di Firebird è attualmente impossibile (se non per vie traverse dalla pagina del MLP), per Mozilla Suite e Thunderbird le cose vanno leggermente meglio, ma tuttora nessuno vede mai le versioni localizzate, che sono sempre seminascoste.

PS x Giovanni: per il momento cercherei una strada che non implichi l'esborso di money da parte nostra, né la richiesta di donazioni libere, che comporterebbe una gestione "scottante" di danaro...

Offline Simone

  • Post: 18
Re: Analisi e proposta
« Risposta #4 il: 02 Novembre 2003 17:09:10 »
Citazione da: dalco

STRA-CUT!
La mia proposta attuale è: scrivere una lettera a Punto Informatico ufficiale del gruppo, in cui presentiamo il nostro lavoro e chiediamo aiuto. In cambio di una sponsorizzazione da parte di un'azienda (che potrebbe consistere nel fornirci lo spazio con le caratteristiche a noi necessarie), possiamo concedere l'inserimento nelle pagine di una pubblicità alla loro attività (un po' come fa mozdev.org con il loro fornitore di hosting).

Sono d'accordo. Adesso come hai confermato tu, avere uno spazio web con banda disponibile per gestire le uscite in rapida successione delle alpha, beta, milestone ecc ecc di MozSuite/TB/FB è praticamente impossibile se qualcuno non finanzia la cosa.

Punto Informatico è sicuramente un ottimo strumento di propaganda per MozDoesIT, non penso ci sia bisogno di convincere gente come PI che mozilla.org è una cosa buona e giusta.
L'accordo andrebbe fatto tra voi, PI e l'azienda X che finanzi il progetto, sempre nel rispetto del gran lavoro che state facendo.

Citazione da: dalco

Noi siamo praticamente ignorati da Mozilla.org. Trovare la versione Italiana di Firebird è attualmente impossibile (se non per vie traverse dalla pagina del MLP), per Mozilla Suite e Thunderbird le cose vanno leggermente meglio, ma tuttora nessuno vede mai le versioni localizzate, che sono sempre seminascoste.

Condivido anche questo e obiettivamente non capisco perchè mozilla.org sia così "integralista"...  :(

Offline Kikko

  • Moderatore
  • Post: 460
Re: Analisi e proposta
« Risposta #5 il: 02 Novembre 2003 17:17:10 »
Banda/traffico: secondo me è inaccetabile per un gruppo amatoriale pagare a consumo. Mentre per un sito commerciale è giusto (di solito più traffico generi più tornaconto economico hai) per noi sarebbe un tuffo nel buio.
Per quanto riguarda Aruba: io e altre persone che conosco hanno siti semi professionali li che generano parecchio traffico e mai si son lamentati. Le nightly che sforno ogni qualche giorno nonchè la 0.3 finale linkata anche da Punto Informatico (credo su segnalazione di qualcuno di noi) sono su Aruba e in tutti questi mesi il sito rarissimamente 'non ha retto' o è stato giù (una volta sola mi pare). Comperando anche il supporto MySQL e le mail illimitate la spesa resterebbe affrontbile esborsando pochissimi euro a testa. Io preferirei così o soluzioni analoghe piuttosto che cercare uno sponsor....
Certo che se ci capitasse it.mozilla.org....... :D

Roberto

Offline Michele Dal Corso

  • Post: 1321
Re: Analisi e proposta
« Risposta #6 il: 02 Novembre 2003 17:41:53 »
Citazione da: Kikko
Banda/traffico: secondo me è inaccetabile per un gruppo amatoriale pagare a consumo. Mentre per un sito commerciale è giusto (di solito più traffico generi più tornaconto economico hai) per noi sarebbe un tuffo nel buio.


Non è così. Il provider stesso *paga* la banda a consumo, e salatamente. Non vedo perché non la debba far pagare ai propri clienti visto che non è un benefattore. Il fatto che secondo te sia un meccanismo inaccettabile non implica che questa non sia la realtà.

Servizi come Aruba funzionano solamente perché il 90 e più per cento dei siti che ospitano hanno un consumo di banda praticamente nullo, permettendo il funzionamento accettabile dei rimanenti siti. Questo meccanismo ha però dei limiti che quando si manifestano sono disastrosi per tutti.

Citazione da: Kikko
Per quanto riguarda Aruba: io e altre persone che conosco hanno siti semi professionali li che generano parecchio traffico e mai si son lamentati. Le nightly che sforno ogni qualche giorno nonchè la 0.3 finale linkata anche da Punto Informatico (credo su segnalazione di qualcuno di noi) sono su Aruba e in tutti questi mesi il sito rarissimamente 'non ha retto' o è stato giù (una volta sola mi pare).


Io ho avuto sei mesi di buio per mancanza di banda a tutti i siti che gestivo su Aruba nel vicino 2001. L'assistenza è quasi nulla, il loro forum è un'arena impossibile da affrontare e non esiste un numero telefonico a cui contattarli. A loro insindacabile giudizio sospendono i domini per presunti errori asp, senza dare alcuna indicazione sul tipo di errore. Il supporto a php è solamente parziale e di facciata (mancano le sessioni...). Le modalità di pagamento sono macchinose a rischio intoppi... i domini scaduti e non pagati vengono rinnovati da loro in automatico e i contenuti vengono bloccati, richiedendo un nuovo trasferimento...

L'attuale "situazione accettabile" di Aruba perdurerà fino all'esaurimento dell'attuale della loro banda disponibile. D'altronde loro offrono un servizio adeguato a ciò che si paga. Nessun sito professionale si può ragionevolmente basare su servizi da loro offerti, in quanto il loro contratto non prevede alcuna garanzia di "minima qualità".

La tua esperienza priva di problemi non è necessariamente significativa: ti contrappongo la mia assolutamente negativa per farti capire che "il trovarsi bene" è piuttosto casuale e fortuito.

Da sviluppatore web dal '96 questa è la mia attuale opinione suffragata dai fatti. Ritengo Aruba adatta esclusivamente a siti amatoriali (come la pubblicazione delle tue foto) e assolutamente non adeguata ad un sito di servizio come MozDoesIT.

Citazione da: Kikko
Comperando anche il supporto MySQL e le mail illimitate la spesa resterebbe affrontbile esborsando pochissimi euro a testa. Io preferirei così o soluzioni analoghe piuttosto che cercare uno sponsor....


Chi gestirà i soldi? Io non voglio prendermi responsabilità di questo per un'attività di volontariato e passione. Se le cose si ingrandiscono (com'è probabile che sia) le responsabilità e i rischi aumentano: lo faresti per la gloria?

Citazione da: Kikko
Certo che se ci capitasse it.mozilla.org....


Non sperarci troppo :-)

Michele

Offline Simone

  • Post: 18
Sito
« Risposta #7 il: 02 Novembre 2003 20:43:47 »
Confermo anche io l'esperienza negativa con Aruba. Sul MySQL ci sono alcuni  hoster che te lo danno col prezzo (205-30 euro) però hai banda limitata e soprattutto spazio limitato (20 Mb non basano neanche a tenere le ultime vers. di MozSuite/FB/TB).
La banda la paghi salata, poi comunque se si offre un sito completo, ben fatto con possibilità evidenti di crescita, l'azienda sponsor non dovrebbe essere troppo "invasiva", soprattutto se sa cos'è mozilla.org.

Offline Kikko

  • Moderatore
  • Post: 460
Re: Analisi e proposta
« Risposta #8 il: 02 Novembre 2003 21:11:52 »
Citazione da: dalco
Citazione da: Kikko
Banda/traffico: secondo me è inaccetabile per un gruppo amatoriale pagare a consumo. Mentre per un sito commerciale è giusto (di solito più traffico generi più tornaconto economico hai) per noi sarebbe un tuffo nel buio.


Non è così. Il provider stesso *paga* la banda a consumo, e salatamente. Non vedo perché non la debba far pagare ai propri clienti visto che non è un benefattore. Il fatto che secondo te sia un meccanismo inaccettabile non implica che questa non sia la realtà.

Ci tengo solo a precisare che il mio "inacettabile" era riferito solo alla nostra condizione, non certo una critica verso chi lo fa pagare. Inacettabile perchè non siamo in grado di quantificare il traffico e non siamo in grado di far fronte ad eventuali grossi somme da esborsare.
Per quanto riguarda Aruba....beh è quello che è :-)

Offline Simone

  • Post: 18
Re: Analisi e proposta
« Risposta #9 il: 02 Novembre 2003 21:21:27 »
Citazione da: dalco
Vi faccio notare che due giorni di esposizione sul mio sito personale dell'installer di Firebird 0.7 ha comportato un "consumo" di traffico di 1,5GB!!

Questo vuol dire che future versioni consumerebbero banda per troppi Gb. Per una cosa del genere ci vorrebbero 250/300 euro all'anno...

Offline Michele Dal Corso

  • Post: 1321
Re: Analisi e proposta
« Risposta #10 il: 03 Novembre 2003 00:56:45 »
Citazione da: Kikko
Ci tengo solo a precisare che il mio "inacettabile" era riferito solo alla nostra condizione, non certo una critica verso chi lo fa pagare. Inacettabile perchè non siamo in grado di quantificare il traffico e non siamo in grado di far fronte ad eventuali grossi somme da esborsare.
Per quanto riguarda Aruba....beh è quello che è :-)


Ok :-) Io invece volevo farti notare che passare dalla situazione attuale a quella di Aruba potrebbe significare un peggioramento della situazione anziché un miglioramento. Se fra sei mesi ci troviamo il sito down, come ce la caviamo?

L'idea della sponsorizzazione (che poi non è un'idea nuova, visto che questo stesso forum su cui stiamo scrivendo è basato su questa idea) è utilizzata da molti siti, e se stabiliamo inizialmente dei requisiti tassativi (ovvero pieno accesso alle risorse che ci vengono messe a disposizione) non vedo quali problemi vi siano! In fondo mozdoesit.m4d.sm se fosse gestito in modo un po' più democratico non sarebbe poi così male: se inserissimo un'indicazione specifica che l'hosting è fornito da m4d, non credo vi sarebbero problemi ad associargli un dominio di primo livello.

Purtroppo la situazione è quella che conosciamo: dal 24/9 ho inviato 17 email ad Andrea nel tentativo di sbloccare la situazione e altre 15 a Lapo, riuscendo solo a mettere online il sito di help di Firebird, con non poche difficoltà (ancora adesso ve n'è una copia persa e non aggiornata su members.xoom.it/mozdoesit/firebird ...).

Ciao!
Michele

Offline Kikko

  • Moderatore
  • Post: 460
Re: Analisi e proposta
« Risposta #11 il: 03 Novembre 2003 09:06:39 »
Ok ok. Proviamo la strada della sponsorizzazione...A questo punto il primo tentativo potrebbe essere fatto verso i provider principali che forse potrebbero permettersi di regalarci banda e spazio web... Qualcuno potrebbe scrivere a libero, tin, tiscali, dada, eccetera. Che ne dite?

Roberto

Offline PIto che Urla

  • Post: 61
Sito
« Risposta #12 il: 03 Novembre 2003 09:50:55 »
ciao,

personalmente propendo anch'io per la sponsorizzazione, se è discreta, non troppo invadente, e , ovviamente, di qualche sito non VM18 la si può acettare. Trovo che la possibilità di avere il sito fuori uso sia ben peggiore delle cose.

Offline Nosferatu

  • Post: 102
Sito
« Risposta #13 il: 03 Novembre 2003 10:26:04 »
Dico la mia, da novellino.
Sono d'accordo al parziale accantonamento del Progetto Comunicazione, o meglio, sono d'accordo nell'invito a ridirigere le forze attualmente impiegate nel MDI.CP verso un'esigenza mai così immediata come quella di avere un sito dalla visibilità decorosa.

L'idea della sponsorizzazione è un compromesso doloroso, ma secondo me accettabile, soprattutto quando le alternative sono quelle sovraesposte.
Mi sembra una buona idea quella del contatto su PI, che contribuirebbe, tra l'altro, anche a dare visibilità sull'esistenza del MDI stesso, e sperando nella lungimiranza di qualche anima pia (tipo YACME o ditte simili).

Io proporrei di preparare una bozza della richiesta a PI, da presentare in anteprima ai soli membri della Mailing List, e successivamente accordarsi con PI sul canale preferibile: richiesta in occhiello (quella stile "Caro Direttore") o una news in piena regola per mano e bocca di PI stesso.
Dico questo perché mi renderebbe un po' triste vedere MDI infilato nella sezione home > rubriche > lettere, e quindi trattato alla stregua di uno sfigatello qualsiasi che scrive a PI indignato dell'ennesimo sopruso di questa o quella ditta di IT (presenti esclusi, ovviamente!! ;) )

Inoltre mi piacerebbe che non si considerasse PI l'unica testata IT-related online.
Certo è la più in vista, e direi che è l'unica che io leggo più o meno abitualmente, ma ce se sono diverse altre che come MDI.CP dovremmo informare all'unisono.

Offline giorg

  • Post: 80
    • Super Hanna
Sito
« Risposta #14 il: 03 Novembre 2003 12:43:32 »
Ragazzi io mi posso esporre in questo modo: come avevo già espresso sulla mailing list, siamo una piccolissima società di Cesena, e l'hosting è fra le nostre attività primarie. Abbiamo un buon server a Milano, in un'ottima posizione (via caldera, per chi la conosce... ex sede di Inet) ed anche un'ottima disponibilità di banda, ma come giustamente faceva notare Michele la dobbiamo pagare. Ora, dopo 2 brevi chiacchere con il mio socio avremmo pensato che si potrebbe fare una sorta di "prova": buttiamo su il sito per un mese (ovviamente, dietro vostro suggerimento, con un minuscolo bannerino :-)) e vediamo come va: se ci ciuccia troppe risorse o la banda consumata richiede una spesa troppo alta rivediamo il tutto, altrimenti si va avanti... mi rendo conto che è una cosa "a metà", ma meglio di così non riusciamo proprio fare...  per quel che riguarda il dominio come società ci possiamo intestare tutti i .it che vogliamo, e sono pronto a firmare una liberatoria in qualsiasi momento che ci sleghi dal poter rivendicare il nome, non ci interessa... ci piace solo l'idea di poter dare una mano...

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.