Notizie: scarica ora l'ultima versione disponibile di Firefox!

Autore Topic: Lettura del Corriere.it richiede abbonamento solo con FF  (Letto 3804 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline p060477

  • Post: 1783
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #45 il: 27 Marzo 2023 00:10:06 »
tutti gli spunti ottimamente suggeriti da miki nel suo ultimo intervento,26 Marzo 2023 11:26:17 , purtroppo non riescono a bypassare il paywall di repubblica.it
a meno che il motivo sia nella mia imbranataggine

mentre non me la sono sentita di provare la via Iceberg:
"Precisazione. Disattivare selettivamente JS. Operazione tutt'altro che semplice, ma indispensabile, altrimenti risolvi un problema e ne crei 10."

...perchè sicuramente non solo non risolverei il problema ma data la mia sopracitata in-capacità di problemi ne creerei più di 100... :(

Offline Iceberg

  • Moderatore
  • Post: 8997
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #46 il: 27 Marzo 2023 00:27:52 »
Provata la soluzione 1?
Citazione
Non si tratta di filtri X-Files ma di filtri della lista Fanboy’s Annoyance.
Ho fatto la pulizia dei cookie del corriere e attivato i filtri Fanboy’s Annoyance e i pop-up sono scomparsi.

O la soluzione 2?
Codice: [Seleziona]
https://gitlab.com/magnolia1234/bypass-paywalls-clean-filters/-/raw/main/bpc-paywall-filter.txtLista filtri per uBlock. Da caricare in Personalizzate.

O come estrema risorsa la soluzione 3?
https://gitlab.com/magnolia1234/bypass-paywalls-firefox-clean/-/releases


O la soluzione 4?
I 92 minuti di applausi.

E teoricamente ci sarebbe anche la soluzione 5 che nessuno prenderà mai in considerazione.


Offline p060477

  • Post: 1783
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #47 il: 27 Marzo 2023 00:35:26 »
provate tutte...ma l'articolo non si legge...inoltre ho provato anche a disabilitare i javascript in about config mettendo su false la voce che trovo a true in js enabled
,non riesco a farlo -selettivamente-...
..ma nulla...sparisce il paywall ma l'articolo rimane leggibile solo fino all'inizio del paywall
in sostanza è solo una modifica formale estetica ma non sostanziale..
provato qui:
https://www.repubblica.it/venerdi/2023/03/26/news/pickleball_cosa_e_differenze_padel-393278527/
« Ultima modifica: 27 Marzo 2023 00:37:45 da p060477 »

Offline Iceberg

  • Moderatore
  • Post: 8997
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #48 il: 27 Marzo 2023 00:57:16 »
Credo che si pretenda troppo.

Una cosa è voler nascondere l'informativa cookie.
Una cosa è voler nascondere la richiesta di abbonamento.
Una cosa è voler leggere articoli liberi in numero indefinito.
Una cosa è voler nascondere le pubblicità.
Una cosa è voler limitare o annullare il tracciamento.

Altra cosa è pretendere di leggere articoli esclusivamente per abbonati.

Anche chi ritiene che X-Files abbia dei limiti troppo bassi e cerca alternative per alzarli ritiene che un limite ci deve essere.

D'altra parte le soluzioni 4 e 5 funzionano. Ignorare il sito o abbonarsi.

Offline pegasoc

  • Post: 358
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #49 il: 27 Marzo 2023 03:56:48 »
...

D'altra parte le soluzioni 4 e 5 funzionano. Ignorare il sito o abbonarsi.

Concordo con queste due soluzioni nel caso si voglia leggere contenuti che sono riservati agli abbonati. Per quanto mi riguarda è stato "un esercizio di stile" perchè già di mio non leggo il corriere e mi interessava solo capite se le soluzioni proposte funzionassero.

Offline p060477

  • Post: 1783
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #50 il: 27 Marzo 2023 11:16:22 »
concordo con pegasoc e Iceberg ;)

Offline deckard

  • Post: 3646
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #51 il: 27 Marzo 2023 11:21:09 »
Citazione
Una cosa è voler nascondere l'informativa cookie.
Si può discutere sul fatto che i cookie di prima parte siano accettabili e corretti e la stessa domanda possiamo farcela circa i cookie di terza parte, però l'informativa nasce per delle esigenze di legge, magari gestite male, ma necessarie.
Altra domanda è se si può vincolare la fruizione del sito alla accettazione di cookie, compresi quelli traccianti, e porre come unica alternativa, già al primo accesso, un abbonamento.
Citazione
Una cosa è voler nascondere la richiesta di abbonamento.
La richiesta di abbonamento nasce per sensibilizzare i visitatori sul fatto che chi fruisce del sito si sta avvantaggiando del lavoro del prossimo, lavoro che merita rispetto e retribuzione. Poi si può discutere sulla qualità del succitato lavoro e capire come instaurare un circuito “aureo” che preveda una corretta remuneratività per i giornalisti, i redattori, e via discorrendo oltre a degli articoli di qualità. Già sono scorsi fiumi di inchiostro sul fatto che la pubblicità nasce per permettere, o comunque agevolare, la sopravvivenza dei siti e non è quest'ultima il nostro nemico.
Semmai i siti e le testate giornalistiche dovrebbero rivedere il business model al fine di potersi rendere maggiormente indipendenti e permettere il corretto funzionamento dei loro siti.
Citazione
Una cosa è voler leggere articoli liberi in numero indefinito.
Questo dipende dai termini di utilizzo del sito della testata giornalistica.
Può farmi poco piacere avere una limitazione a ENNE articoli, ma le scelte di chi mi offre dei beni e dei servizi vanno rispettate, anche se io mi riservo il diritto di non condividerle. Altrimenti vado a leggere le notizie su un sito diverso.
Citazione
Una cosa è voler nascondere le pubblicità.
Anche qui la pubblicità potrebbe rientrare nei termini di servizio del sito al di la del fatto che si possano fare delle distinzioni per accettabilità o per finalità di autopromozione o di promozione di beni e servizi di altre aziende (“leggi i nostri resoconti nella sezione REPORTAGE” versus “ascolta i NOSTRI podcast su Spotify e Spreaker” versus “compera scooter MARCA, casco MARCA, tuta MARCA, etc...”).
Citazione
Una cosa è voler limitare o annullare il tracciamento.
In teoria, al di là del fatto che sia etico e accettabile, il tracciamento dovrebbe essere libero e non vincolante per la fruizione del sito. EDIT: Dimenticavo di dire che dovrebbe essere (se non non erro) pienamente consapevole con indicazione delle modalità per esercitare i propri diritti. FINE EDIT.
Citazione
Altra cosa è pretendere di leggere articoli esclusivamente per abbonati.
Su questo punto si può ritenere che il prezzo dell'abbonamento e la qualità degli articoli e dei servizi riservati siano tali da invogliarmi a provvedere all'acquisto, ma credo di poter dire, senza timore di essere contraddetto, che leggere gli articoli per abbonati  senza alcuna autorizzazione sia una chiara e netta violazione.
Si può discutere sulla legittimità di un abbonamento vincolante per chi non accetta la profilazione tramite cookie, vincolante anche per la sola visualizzazione del sito oltre che degli articoli, ma le precedenti tipologie di abbonamento richiedono accettazione e rispetto.
Considerando poi che la profilazione richiederebbe una esplicita autorizzazione a parte nel momento in cui si accettano i termini di servizio del sito, se non erro.
Se ho sbagliato in qualche punto dell'esposizione mi scuso e cercherò di prestare maggiore attenzione.
« Ultima modifica: 27 Marzo 2023 11:42:59 da deckard »

Offline p060477

  • Post: 1783
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #52 il: 27 Marzo 2023 11:24:28 »
concordo anche con quanto ,benissimo, descritto da deckard

Offline deckard

  • Post: 3646
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #53 il: 10 Aprile 2023 11:07:43 »
Noi sappiamo che un componente aggiuntivo come uBlock Origin o Ablock Plus è più di un semplice bloccatore di pubblicità poiché questi add-on possono essere utilizzati per limitare o mitigare le conseguenze del tracciamento e del malvertising o aiutare contro siti malevoli o contenenti codice malevolo (per quanto il componente aggiuntivo da solo non basti e sia necessario prendere in considerazione l'uso di un programma anti-malware).

In molti siti è presente la pubblicità come pure i cookie di prima e di terza parte per ottenere informazioni sul navigatore, i suoi gusti le sue preferenze. Questi dati vengono usati per tracciare un profilo del visitatore in modo da presentare solo la pubblicvità che gli potrebbe interessare.
Mostrare la pubblicità all'interno di un sito è corretto? Si può vincolare l'accettazione della pubblicità alla fruizione libera senza pagamento di un abbonamento? Al di là del fatto che questa venga fatta in maniera intelligente e aderente a certi criteri di non-invasività oppure no.
Ulteriormente si può tracciare l'utilizzo del sito da parte dell'utente al fine di avere un profilo contenete informazioni sul navigatore (quali possono poi essere conservate), sui suoi guste, sulle sue preferenze.
Anche l'esistenza di dati desunti e derivati da come il navigatore si interfaccia al sito pone degli interrogativi: è giusto che ci siano questo profili psicologici, comunque di dati ottenuti per interpolazione? Che tutela hanno questi dati? Qual è la loro titolarità? Chi è responsabile della loro gestione? Quali sono le vere responsabilità ed è giusto affidare certe informazioni al prossimo? (Indipendentemente dal livello di fiducia nei confronti delle varie aziende...)
Anni fa il Washington Post aveva pubblicato un articolo sulle cose che Facebook sa di noi al fine di mostrarci pubblicità mirata: 98 personal data points that Facebook uses to target ads to you
L'articolo era stato poi tradotto da Paolo Attivissimo e mostrato sul suo blog: Due o tre (o 98) cose che Facebook sa di te
Anche Naked Security by Sophos riporta indicazioni e consigli in un articolo: 98 things Facebook knows about you
Anche senza pensare a quello che sarebbe poi successo con la questione Facebook-Cambridge Analytica forse dovremmo avere maggiore consapevolezza delle varie dinamiche della rete e fare in modo che questa comprensione faccia parte del nostro percorso evolutivo.
Anche senza fare dietrologie e cedere a complottismi sulla pubblicità mirata e sul tracciamento e sulla presenza dei dati interpolati bisogna comprendere quali sono le dinamiche e i modelli di business, oltre a chiedersi quale sia un modo accettabile per salvare la capra della privacy personale e i cavoli della sopravvivenza dei siti e capire chi è il vero lupo, cioè il vero nemico da combattere.

Si pò accettare di essere i bersagli di questa pubblicità mirata? Ed è giusto che questa pubblicità mirata vi sia e si può vincolare la fruizione di un sito all'accettazione della pubblicità e del tracciamento già dalla prima visita al sito (con obbligo di acquistare un abbonamento per evitare pubblicità e/o tracciamento, cioè un abbonamento per chi non fornisce il consenso ai cookie, al tracciamento e alla pubblicità mirata)?
Al di là del fatto che il consenso deve essere libero, informato e pienamente consapevole e che ci devono essere consensi separati per la profilazione e il tracciamento.

Online next

  • Post: 2924
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #54 il: 10 Aprile 2023 11:44:20 »
Anche senza fare dietrologie e cedere a complottismi sulla pubblicità mirata e sul tracciamento e sulla presenza dei dati interpolati bisogna comprendere quali sono le dinamiche e i modelli di business, oltre a chiedersi quale sia un modo accettabile per salvare la capra della privacy personale e i cavoli della sopravvivenza dei siti e capire chi è il vero lupo, cioè il vero nemico da combattere.

Caro deckard
la mia impressione è che la situazione posso solo peggiorare. Finché a bloccare tracciamento e pubblicità eravamo 4 gatti (magari solo per risparmiare banda in tempi di connessioni analogiche), il danno era marginale ed il fenomeno poteva essere ignorato. Oggi secondo alcune stime il numero di utenti che usa un adblock potrebbe arrivare al 25% (e forse più), quindi il loro impatto diventa devastante sui conti dei progetti editoriali.
Ma come giustamente dici tu, bisogna capire chi sia davvero il lupo della favola. Faccio un esempio: trovo ilpost.it abbastanza ben fatto per cui il sito è nella mia whitelist di NoScript. E tuttavia la gran parte della pubblicità sul sito mi rimane bloccata perché i domini dei circuiti pubblicitari stanno ovviamente nella mia blacklist. E stanno nella mia blacklist perché usano tecniche scorrette (tracciamento cross-site, cookie permanenti, contenuti spam, pubblicità invadenti, malware, etc.)
Forse l'errore maggiore degli editori è stato proprio questo, rinunciare ad una gestione propria della pubblicità per appaltare tutto a società che per nazionalità e modello di sviluppo si fanno davvero pochi scrupoli.

Purtroppo però non se ne esce. Di gratuito rimarrà sempre meno. Articoli spazzatura, clickbait, propaganda, roba sponsorizzata. Ed in certo senso la colpa sarà anche nostra (almeno in parte). 

Offline deckard

  • Post: 3646
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #55 il: 10 Aprile 2023 12:59:47 »
Vi sono sicuramente tante tecniche scorrette come il tracciamento cross-site, i cookie permanenti, i contenuti spam, le pubblicità invadenti, il malware, le pubblicità ingannevoli, ma anche gli articoli spazzatura o attira letture, la propaganda non esplicita, la roba sponsorizzata.
Non saprei dire che cosa abbia determinato il successo di certe tecniche, ma le conseguenze possono essere molto gravi.
Sicuramente non è attribuendo colpe che si esce da questo mirabolante nodo gordiano. Forse l'unico modo ragionevole è tagliarlo.

Se io leggo notizie sullo sci in Val di Non potrebbe farmi piacere ricevere pubblicità sulle mele, sul miele, e su strutture ricettive, mezzi di trasporto e via discorrendo.
Bisogna capire qual è un modello etico di pubblicità e salvaguardare il diritto degli editori di sopravvivere e conoscere la clientela (fino a che punto può essere approfondita questa conoscenza e quali diritti hanno entrambe le parti?) per evitare comportamenti frutto di profonda ingenuità, o di incapacità o di impreparazione di fronte al vero significato e alle implicazione dello sviluppo tecnologico.
Probabilmente quando si va su internet non c'è niente di veramente e totalmente riservato.
Il fattore umano determina la sicurezza di tante cose a partire dalla creazione della rete e di internet.
Bisogna però capire come funzionano e quali sono i rischi percepiti e quelli connessi al proprio comportamento. Altrimenti tutti gli strumenti che non fanno parte del proprio percorso evolutivo non vengono assimilati razionalmente e possono capitare cose veramente ehm... interessanti...
Che differenza c'è tra rete privata e rete pubblica? Tra luogo telematico relativamente privato e luogo pubblico o aperto al pubblico? Tra dati privati e dati visibili al pubblico o che si trovano in luoghi telematici "aperti" come fossero metaforiche gabbie di vetro.
Bisogna capire qual è un modello etico di pubblicità e tracciamento per salvaguardare le persone e capire se veramente la professoressa Shoshana Zuboff quando ha studiato "Il capitalismo della sorveglianza" e quando ha teorizzato che molte cose possono essere automatizzate, informatizzate e adoperate per sorveglianza e controllo.

Il nemico non è la sopravvivenza dei siti e delle testate giornalistiche.
Il nemico non è neanche la sopravvivenza delle persone che lavorano per quella testata giornalistica.
Bisogna capire e trovare un bilanciamento nel momento in cui si stabilisce un prezzo per articoli e abbonamenti come salvare capra e cavoli e capire che il lupo da combattere non è la sopravvivenza di chi lavora onestamente e sarebbe anche disposto ad anticipare il proprio impegnarsi se veramente ci fosse una sincera possibilità di avere retribuzione e riconoscenza....
Noi generiche persone purtroppo ci siamo abituati a prendere, spesso in maniera gratuita, senza cioè offrire riconoscimento economico, e magari anche a pretendere.
A nostra parziale discolpa si può dire che speravamo che molti siti potessero essere utili per il prossimo e per le future generazioni.
Ma bisogna dare e remunerare il prossimo da un punto di vista umano ed economico...

Edit: Ho ritrovato una notizia di 7 anni fa che però è ancora attuale...

Adblocking: l'advertising fa ammissione di colpa
Citazione
IAB si assume la sua parte di responsabilità per aver spinto gli utenti a schivare la pubblicità, divenuta insostenibile e propone delle linee guida nuove.
“Abbiamo fatto una gran confusione. Come tecnologi, con il compito di fornire contenuti e servizi agli utenti, abbiamo dimenticato la user experience”: è un’ammissione di colpa quella recitata da IAB, l’associazione che raduna gli operatori dell’advertising online. IAB si assume le le proprie responsabilità nell’avanzata degli adblocker, ma ora si dice pronta a rimediare.

Alcune considerazioni aggiuntive si trovano in questo mio post: https://forum.mozillaitalia.org/index.php?topic=67387.msg467070#msg467070
« Ultima modifica: 10 Aprile 2023 19:39:15 da deckard »


Offline deckard

  • Post: 3646
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #57 il: 19 Aprile 2023 14:55:49 »
Tecnicamente riesco a leggere l'articolo.
Potrebbe essere merito di uBlock Origin e delle liste presenti, tra cui Bypass Paywalls Clean filters, o di una combinazione tra impostazioni e componenti aggiuntivi.
Poi ci sarebbe da ragionare se sia etico vedere gli articoli senza iscriversi e senza abbonarsi. Come pure quale sia il modo giusto di venire incontro alle esigenze del sito barra quotidiano salvando i diritti dell'utenza combattendo l'invasività di pop-up e inserzioni pubblicitarie, con la sopravvivenza dei siti.

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 35405
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #58 il: 19 Aprile 2023 15:25:53 »
Potrebbe essere merito di uBlock Origin e delle liste presenti, tra cui Bypass Paywalls Clean filters
Dove trovo questa lista, che non ho in Pale Moon e neppure in Firefox?  :?

Grazie.

Offline p060477

  • Post: 1783
Re:non visibile il sito data room di milena gabanelli
« Risposta #59 il: 19 Aprile 2023 16:10:26 »
si l'articolo si legge ma è il video che non parte.....eppure c'e' il traingolino bianco sopra l'immagine...e il mouse si attiva sopra tale triangolino...ma il video non parte.. :(
la lista dovrebbe essere questa...
https://gitlab.com/magnolia1234/bypass-paywalls-firefox-clean/-/issues

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.