Autore Topic: Che ne pensate del nuovo browser "Brave" di Brendan Eich (ex CTO Mozilla)  (Letto 9637 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline francesco bat

  • Post: 162
    • La Grotta del Pipistrello
Secondo il mio parere, Opera è definitivamente morto.
Un browser che ha insegnato per anni grandi esperimenti informatici e regalando gran bella tecnologia negli ultimi 20 anni, io trovo vergognoso buttare un progetto così ambizioso per poi abbracciarsi ad un browser di ultima generazione (Chromium) che magari proprio loro si sono ispirati al vecchio Opera.
Da premettere che non ho nulla contro Google Chrome del resto che proprio Google ha aiutato tantissimo anche Mozilla ha prendere una certa rivincita contro Interner Explorer che la Microsoft fece di tutto e in maniera subdola di accaparrarsi tutto il mercato dell'epoca a discapito di Netscape che avevano il primato assoluto del mercato ma in maniera onesta e pulita anche se era ancora tutto a sorgente chiusa.
Però del resto è proprio Chrome che non mi piace, fatto  per utenti che con pochissime esigenze costringendoli a fortissime limitazioni di funzioni avanzate ecc.
Certo che la fine del vecchio Opera, oggi non lascia molta scelta a browsers alternativi.
Speriamo di non ritrovarci in futuro di utilizzare solo un browser chromium derivato perchè sarebbe un incubo dal mio punto di vista  :shock:
Comunque le ultime analisi sembrano migliori degli ultimi mesi a questa parte; guardate qui:
http://www.w3schools.com/browsers/browsers_stats.asp
Sembra che Firefox negli ultimi 2 mesi ha recuperato un pochino :)
Comunque un buon browser alternativo che sembra fare sul serio, sembra Otter browser.
Io l'ho scaricato e ogni tanto mi fa piacere di usarlo in alternativa a Firefox e SeaMonkey :)
Ciao
Francesco bat
« Ultima modifica: 19 Agosto 2016 01:53:41 da francesco bat »

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 28182
http://www.w3schools.com/browsers/browsers_stats.asp
Sembra che Firefox negli ultimi 2 mesi ha recuperato un pochino :)
Mah, da quello che vedo: Chrome sta facendo piazza pulita e cresce costantemente verso la vetta dell'80%, Firefox resiste bene, Safari e Opera stanno sparendo. Ma non mi tornano i conti su Internet Explorer, quote troppo basse secondo me e quindi (Edge o meno) non veritiere che inficiano il tutto. Potrei anche sbagliarmi, eh?  :)

Offline deckard

  • Post: 2650
Tante sono le motivazioni del successo di Chrome che è venuto dopo quello del motore di ricerca, la comodità e la semplicità, reali o presunte che siano, o forse dovrei dire la praticità o la pragmaticità, un buon livello di sicurezza, la possibilità di avere estensioni e di lanciare applicazioni rimanendo comunque un progetto ragionevolmente veloce e leggero.
Quando un progetto nasce bisogna fornire delle motivazioni per farlo conoscere, per fare in modo che la gente lo scopra, fosse anche per curiosità, oltre che per necessità. Mi chiedo che cosa succederebbe se nella pagina principale di una famosa e nota rete sociale comparisse l'avviso pubblicitario che è consultabile al meglio con, che so, il browser Marco Polo.
Tante possono le motivazioni dell'insuccesso di altri programmi e possono anche coincidere con alcune delle precedenti.

In ogni caso se Opera si affida a Chromium e questo si è ispirato alle caratteristiche positive delle vecchie versioni di Opera (12 - Presto) forse ci rimane ancora qualcosa. Oppure l'alternstiva è vedere se Vivaldi mantiene veramente le promesse.

Chrome sarà anche fatto per utenti che con pochissime esigenze costretti a fortissime limitazioni di funzioni avanzate ecc. (ho qualche dubbio) ma magari questo potrebbe essere quello che la maggior parte della gente vuole. Lo stesso Vivaldi che nelle intenzioni vuole riprendere le caratteristiche positive delle vecchie versioni di Opera si rivolge a utenti con competenze informatiche. Ma l'internauta medio oggi non necessariemente ha competenze informatiche e tempo da dedicare al loro sviluppo o alla personalizzazione dei programmi o alle impostazioni avanzate. Quando ha il tempo e la possibilità di adoperare un computer, e non un dispositivo mobile, preferisce concentrarsi sullo scopo dell'utilizzo, reti sociali, giochi, comunità di video pubblicati in rete, serie televisive, e via discorrendo. Non è necessariamente un utente avanzato che ha fatto dell'informatica lo scopo primario e principale della propria maturazione personale e lavorativa.
« Ultima modifica: 19 Agosto 2016 15:02:12 da deckard »

Offline Ronnie91

  • Post: 3518
Secondo il mio parere, Opera è definitivamente morto.
Concordo, poi era che è passato in mano ai cinesi, meglio stargli alla larga...

Speriamo di non ritrovarci in futuro di utilizzare solo un browser chromium derivato perchè sarebbe un incubo dal mio punto di vista
Il rischio c'è ed è concreto.

Chrome attualmente credo sia il miglior browser per la "massa", per il resto c'è Firefox.

Questo strapotere di Chrome è e sarà sempre di più un problema, c'è da dire che però è davvero un ottimo prodotto.
« Ultima modifica: 19 Agosto 2016 13:54:32 da Ronnie91 »

Offline Ronnie91

  • Post: 3518
« Ultima modifica: 21 Agosto 2016 03:41:33 da miki64 »

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 28182
Re: Re: Ultime novità dal Web sul Mondo Mozilla
« Risposta #20 il: 20 Agosto 2016 19:49:56 »
Articolo molto interessante che rispecchia quanto stavamo discutendo con Deckard e altri nel topic dedicato a Vivaldi.
Se ho tempo, più tardi lo tradurrò in italiano.

Offline Ronnie91

  • Post: 3518
Re: Re: Ultime novità dal Web sul Mondo Mozilla
« Risposta #21 il: 20 Agosto 2016 20:31:44 »
Sì, infatti non sapevo se pubblicarlo lì...

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 28182
Re: Re: Ultime novità dal Web sul Mondo Mozilla
« Risposta #22 il: 21 Agosto 2016 03:33:54 »
Perché Firefox continuerà a perdere quote di mercato

Mozilla Firefox è un ottimo browser. Non tutti possono d'accordo con me su questo. Firefox è il browser che offre agli utenti il ​​massimo controllo sulla loro esperienza di navigazione. Ha il più forte ecosistema di add-on dei tre (Chrome, Firefox, Internet Explorer/Edge) ed è sostenuto da una organizzazione che per la maggior parte sembra essere dalla parte dell'utente quando si tratta di diritti e simili.

Ma è anche un fatto che questo browser ha perso quote di mercato negli ultimi anni. Questo può essere in gran parte attribuito all'aumento delle quote di Chrome che grazie a Google è stato aiutato dalle sue caratteristiche in Internet, ma anche dalla navigazione mobile e un momento storico in cui le opzioni di personalizzazione sono cadute davanti alla cultura di semplificare le cose.

Nessuno può dire cosa sarebbe successo se Chrome non fosse stato rilasciato da Google, ma sembra probabile che Firefox avrebbe alla fine raggiunto il suo picco.

Con Chrome dominante, e (con le quote di) Internet Explorer /Edge garantite dal sistema operativo Windows e Enterprise, è Firefox che si trascina dietro e perde le quote di mercato.

Netmarketshare ha registrato la quota di utilizzo di Firefox ad un minimo storico di meno del 9% a maggio 2016, poi  giù da oltre il 12% nel giugno 2015. Questi rapporti non sono precisi al 100%, ma per lo meno quello che fanno è mostrare una tendenza, e questa tendenza segnala che le cose probabilmente possono peggiorare prima che si possa ottenere di nuovo meglio.


Perché Firefox continuerà a perdere quote di mercato

Ci sono due ragioni principali per cui Firefox continuerà a sanguinare la sua quota di mercato sul fronte del desktop. Il primo, e probabilmente quello grande, è una serie di modifiche che lancerà nel corso del prossimo anno.

Questo include il multi-processo di Firefox , gli add-on con firma, il concentrarsi su WebExtensions e più tardi disapprovazione di una parte del vecchio sistema delle estensioni del browser.

Tutto questo avrà un impatto su parte della base di utenti del browser. Alcuni potranno notare che uno dei componenti aggiuntivi preferiti  non funzionerà più, o che non potranno più installare un tema che hanno usato per anni.

I componenti aggiuntivi sono uno dei motivi principali per cui gli utenti utilizzano Firefox, anche se Mozilla ha dichiarato di recente che oltre il 40% degli utenti non utilizzano neppure un singolo componente aggiuntivo.

Con i componenti aggiuntivi in procinto di essere influenzati da molti cambiamenti, è probabile che alcuni utenti migreranno da Firefox. Molti probabilmente passeranno ad un browser come Pale Moon che condivide il codice con Firefox, mentre altri potrebbero passare direttamente a Google Chrome.

Qualcuno potrebbe anche ricordare le cattive decisioni di gestione di Firefox come l'aggiunta di diversi tipi di offerte di pubblicità nel browser (che ha ottenuto un cattivo richiamo sulla stampa che, a volte, non era eccessivamente giusto ma che dovevaessere previsto).


Perché Google Chrome non perderà quote di mercato in tempi brevi

http://cdn.ghacks.net/wp-content/uploads/2009/07/google_chrome_3.jpg

Ho considerato "Perché Google Chrome non perderà quote di mercato in tempi brevi", come il titolo dell'articolo per un attimo.

Il secondo motivo per cui Mozilla Firefox non farà progressi per quanto riguarda la quota di mercato è la continuità di Chrome.

Google è molto attento ai cambiamenti che fa a Chrome. Anche se ha apportato alcune modifiche all'interfaccia per tutta l'esistenza del browser web, nessuno era così drastico come l'interruttore di Mozilla per l'interfaccia Australis (soprattutto perché significava un minor numero di opzioni di personalizzazione).

Il browser, l'interfaccia utente, il sistema di estensioni e il comportamento sono rimasti più o meno gli  stessi nel corso degli anni. La schermata di cui sopra è di Chrome 3 rilasciato quasi sette anni fa.

Semplicemente non c'è alcuna ragione per utenti di passare a un altro browser come Chrome che funzioni e si comporti altrettanto bene e che sembra quasi lo stesso, come quello di anni fa.

Questo non cambierà a meno che Google inizi a fare cambiamenti drastici per l'interfaccia utente o per  il comportamento del browser, ma questo sembra altamente improbabile.

Fuori da Mozilla

http://cdn.ghacks.net/wp-content/uploads/2014/11/firefox-tracking-protection.jpg

Attendere che  Google faccia un passo falso non è il modo per andare avanti, questo potrebbe anche non accadere mai. Mozilla ha bisogno di implementare funzionalità e apportare modifiche a Firefox che rendano il browser migliore  rispetto a Chrome.

Mentre Mozilla può continuare a eguagliare o battere Chrome quando si tratta di prestazioni, di supporto IT web o sotto altre caratteristiche, in realtà questo non è qualcosa che la maggior parte degli utenti si preoccupano e non li riguardano direttamente.

Ci sono funzionalità che Google non può o non vuole implementare. Se si guarda a versioni più recenti di Opera, si noterà che la società sta facendo esattamente questo. Opera ha implementato un adblocker nativo nel browser, un proxy del browser e una funzione di risparmio energetico .

Tutte caratteristiche a beneficio di utenti e caratterizzano il browser in maniera diversa dagli altri.

Mozilla ha bisogno di concentrarsi sulle caratteristiche che lo distinguono da Google Chrome e sono molto richiesti dagli utenti. Questo può costringere Mozilla a prendere decisioni difficili, come ad esempio l'integrazione di un blocco della pubblicità nel browser pur non essendo nel migliore interesse dei partner stessi di Mozilla.
« Ultima modifica: 21 Agosto 2016 03:48:52 da miki64 »

Offline deckard

  • Post: 2650
Citazione
Google Chrome thanks to [...] a climate where customization options fell to the culture of simplifying things.

Prima cosa, l'utente ha bisogno di cose semplici da utilizzare. Poi ci sarebbe sa chiedersi che cosa ci fosse di così complesso e complicato in alcune delle cose che sono state tolte da Firefox. Sicumamente Google Chrome è nato in un momento (2 settembre 2008) in cui il possesso di un computer era diventato più accessibile e l'utilizzo in generale era stato molto semplificato al punto che persone con minore cultura informatica e
minori capacità tecniche potevano averne uno e adoperarlo.
Citazione
The first (reason why Firefox will continue to bleed market share on the desktop), and probably the big one, is a number of changes that will roll out over the course of the next year or so.
This includes multi-process Firefox, add-on signing enforcement, focus on WebExtensions, and later on deprecation of part of the browser's old add-on system.
Non tutti i componenti aggiuntivi sono compatibili con E10S, e mentre i principali sono già pronti, alcuni non lo sono ora come ora e altri non lo saranno mai (per esempio quelli abbandonati).
I componenti aggiuntivi che non vengono più mantenuti e che non sono firmati non possono più essere utilizzati da chi magari aveva costruito su essi il proprio stile di navigazione. Non potranno essere adoperati perché non sono firmati e perché non sono compatibili con E10S, ma anche perché l'attenzione è spostata sulle WebExtensions e il vecchio sistema dei componenti aggiuntivi verrà deprecato. Non si sa se alcune di queste cose riguarderanno anche Thunderbird.
Ogni soluzione crea nuovi problemi.
Io posso essere disposto a capire che certe scelte siano state fatte per rimediare ad alcuni problemi, ma così facendo il rimedio rischia di essere peggiore del buco.
Citazione
Google è molto attento ai cambiamenti che fa a Chrome. Anche se ha apportato alcune modifiche all'interfaccia per tutta l'esistenza del browser web, nessuno era così drastico come l'interruttore di Mozilla per l'interfaccia Australis (soprattutto perché significava un minor numero di opzioni di personalizzazione).
Con Chrome, il browser, l'interfaccia utente, il sistema di estensioni e il comportamento sono rimasti più o meno gli  stessi nel corso degli anni.
Semplicemente non c'è alcuna ragione per gli utenti di passare a un altro browser come Chrome che funzioni e si comporti altrettanto bene e che sembri quasi lo stesso, come quello di anni fa.
L'ultima frase spiega perché difficilmente Google Chrome perderà quote di mercato.
Sia ben chiaro: io, come Miki e come altri, non mi diverto andando contro a Firefox e a Mozilla.
Io so che quello che ho nel mio PC si basa su scelte fatte da qualcuno e sul lavoro fatto da tanta gente per concretizzare e realizzare queste scelte e so che devo mostrare gratitudine e riconoscenza e rispetto per le scelte e per il lavoro altrui grazie alle quali e grazie a cui ho Firefox.
Ma io mi riservo di non condividere quelle scelte.

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 28182
Ancora una volta, Deckard, dimostri un'estrema lucidità nelle tue analisi di questo argomento.
Per me quell'articolo avresti potuto benissimo scriverlo tu, tra l'altro in maniera molto più ricca e precisa.  :D

EDIT: ieri notte ho avuto il tempo per passare a Pale Moon 26.4.0. Unica novità per me sgradita: scomparso Google nei motori di ricerca, sostituito da DuckDuckGo. In un minuto mi è stato facile ripristinare daccapo Google nella barra (a parte il fatto che esiste un apposito topic sul Forum di PM, indicato nelle note di rilascio che appaiono in automatico su una scheda quando per la prima volta si avvia la nuova versione. Se penso a come stanno combattendo con le estensioni incompatibili gli utenti di FF 48...  :(
« Ultima modifica: 21 Agosto 2016 17:06:50 da miki64 »

Offline deckard

  • Post: 2650
Dal mio punto di vista avere DuckDuckGo al posto di Google Search è un bene.
Anche il fatto che la cosa sia annunciata nelle note di rilascio che sono disponibili subito dopo l'aggiornamento è un bene.
L'utente legge le note di rilascio e può facilmente ripristinare Google Search se desidera senza dover fare ricerce, scrivere richieste nei gruppi di discussione o all'interno di forum.
Questi piccoli dettagli fanno in modo che non sia un caso se poi la gente fa le proprie scelte.

Se capisco correttamente l'articolo conferma la positività fatto che Opera abbia aggiunto funzionalità che Google non può o non vuole implementare, funzionalità come un adblocker nativo nel browser, un proxy e una funzione di risparmio energetico.

Per quanto riguarda Brave anche io come lo Pseudotecnico ho dei seri dubbi sul fatto che il loro modello di business – sostituire pubblicità brutte, sporche e cattive con le proprie – sia eticamente apprezzabile e pure lecito. Intendo dire che sono d'accordo con lui quando dice che privare il sito di un ritorno economico bloccando la pubblicità e inserendo della pubblicità diversa da quella scelta da chi ha creato il sito e probabilmente averne un ritorno economico è tendenzialmente sia disonesto che di dubbia liceità.

Offline francesco bat

  • Post: 162
    • La Grotta del Pipistrello
Dal mio punto di vista avere DuckDuckGo al posto di Google Search è un bene.

In Italia DuckDuckGo importa i risultati di Bing  che è di proprietà della Microsoft e penso che Microsoft ci guadagnerà sicuramente qualcosa e non credo che Mozilla lo adotterà mai  :lol:
Senza farlo apposta proprio oggi ho scritto un post sul mio blog che tratta proprio questo argomento:
http://francescoinblack.blogspot.it/2016/08/gigablast-motore-di-ricerca.html
Se oggi si vuole usare un motore di ricerca personalizzato per Firefox alternativo a Google non esiste proprio niente, solo Bing porta risultati abbastanza accettabili.
Altrimenti ci sarebbe Gigablast (che io già uso abbastanza spesso) ma troppo ostico per la maggior parte degli utenti che spesso non sanno neanche dove trovare l'icona di Firefox per eseguirlo  :lol:
Ciao
Francesco bat

Offline deckard

  • Post: 2650
Per la cronaca una cosa esiste e, citando il pinguino Skipper, "Tu, non hai visto niente!"...
Questo è un motore di ricerca che va adoperato con enorme prudenza e cautela. Un uso inappropriato può portare a parti della rete che sarebbe molto meglio evitare, più di una vasca di piranhas affamati quando si sanguina da una mano...
Per il resto ci sono Start Page e Ixquick.

Offline max1210

  • Post: 2144
Buonasera,
Sto seguendo questo interessante dibattito da dietro le quinte.
Ho letto interessanti considerazioni, vorrei aggiungere un mio pensiero :lol: saltando tra i vari post.
Sui miei datati pc ho installato SeaMonkey, Firefox, Palemoon, Opera e ... Chrome. Risparmiatevi la domanda  :P, non li uso tutti. Opera è solo su Xp, installato più per curiosità ed è immobile da un anno credo, però non mi ha mai attirato, si, ha alcune funzioni interessanti ma l'ho trovato "impegnativo" per un uso disinvolto.

SeaMonkey, non è al centro della discussione, quindi lo mettiamo da parte subito anche se è il browser che utilizzo maggiormente, dappertutto e su tutto, buono per tutte le stagioni :P.

Chrome, è stato scritto tanto sulle molteplici ragioni del suo successo, alcune in cima su tutte.
L'impostazione "ottimale" per la maggior parte degli utenti normali; il fatto di trovarlo in quasi tutti gli moltissimi smartphone già preinstallato, quindi uno di riflesso lo installa anche sul pc anche in ragione della sincronizzare possibile tra i le due applicazioni; il mantenere costante nel tempo l'interfaccia grafica, non richiedendo all'utente ad ogni rilascio/aggiornamento un impegno (volevo usare un altro termine ma poi rischio la censura) alla ricerca dei pulsanti di maggior uso, i soliti cinque o sei per l'utente normale; la gestione della webmail ottimizzata per l'account Gmail (oltre al Client Gmail preinstallato anch'esso in moltissimi smartphone) e Google Drive.

Firefox, di riflesso, tutto l'opposto di ciò che ha fatto Chrome.
L'impostazione "ottimale" per la maggior parte degli utenti normali è andata via via scemando nel tempo e, forse, ad ogni nuova versione; ecco, le versioni, magari così diverse una dall'altra da mettere in difficoltà l'utente normale con i suoi cinque-sei pulsanti, innescando una serie di imprecazioni e spingendolo verso un browser "classico" nel tempo; la necessità di utilizzare molte estensioni per adeguarlo ai propri gusti (e qui sta bene-ottimo) o per ripristinare il "vecchio e caro Firefox", estensioni però sempre più decimate per scelte parallele a quelle del browser; Mozilla ha dichiarato di recente che oltre il 40% degli utenti non utilizzano neppure un singolo componente aggiuntivo, appunto, il rimanente quasi 60% li usa per i motivi precedenti, e Mozilla fa di tutto per cassarli senza dare una alternativa di default; beh, sul fatto di non essere preinstallato sugli smartphone non possiamo farci nulla così come l'ottimizzazione per una propria webmail (anche se qui bisognerebbe aprire numerose parentesi).

Palemoon, cerca di attirare gli utenti di Firefox stanchi dei continui aggiornamenti, riproponendo una versione "classica" del caro vecchio Firefox in chiave modernizzata, rilasciando pochi e oculati aggiornamenti per la maggior parte di sicurezza; le estensioni mi sembrano limitate e sfruttano, in alcuni casi, quelle di Firefox, magari accantonate per motivi vari.

Internet Explorer, c'è ancora :shock:? Chi lo usa?
Edge, sopravvive perché inserito di forza nel sistema operativo, non conosco molti che lo usano convintamente, in buona parte sono passati a Firefox o Chrome (la maggioranza).     
 
   
 

Offline francesco bat

  • Post: 162
    • La Grotta del Pipistrello
Per la cronaca una cosa esiste e, citando il pinguino Skipper, "Tu, non hai visto niente!"...
Questo è un motore di ricerca che va adoperato con enorme prudenza e cautela. Un uso inappropriato può portare a parti della rete che sarebbe molto meglio evitare, più di una vasca di piranhas affamati quando si sanguina da una mano...
Per il resto ci sono Start Page e Ixquick.
Purtroppo anche ixquick e startpage portano i risultati di google anche se in modalità anonima  :(

Chrome, è stato scritto tanto sulle molteplici ragioni del suo successo, alcune in cima su tutte.
L'impostazione "ottimale" per la maggior parte degli utenti normali; il fatto di trovarlo in quasi tutti gli moltissimi smartphone già preinstallato, quindi uno di riflesso lo installa anche sul pc anche in ragione della sincronizzare possibile tra i le due applicazioni; il mantenere costante nel tempo l'interfaccia grafica, non richiedendo all'utente ad ogni rilascio/aggiornamento un impegno (volevo usare un altro termine ma poi rischio la censura) alla ricerca dei pulsanti di maggior uso, i soliti cinque o sei per l'utente normale; la gestione della webmail ottimizzata per l'account Gmail (oltre al Client Gmail preinstallato anch'esso in moltissimi smartphone) e Google Drive.

Purtroppo sui chrome browser ci ho messo una pietra generale sopra  :)
Vivaldi era l'unico che usavo fino a poco fa ma lentissimo all'avvio e la chiusura del sistema era di una lentezza spaventosa dopo averlo eseguito.
Da quello che sembra di aver capito ci sarebbe un problema dietro riguardo l'uso del driver della nvidia su Linux (con i nouveau non ci sono problemi).
Il problema è riproducibile un pò con tutti i chrmoe ma quello che mi succede con Vivaldi è una vera e propria frustrazione.
Per questo l'ho sostituito totalmente con tutt'altro, otter browser che mi ricorda molto il vecchio Opera e funziona che una scheggia.
Poi volendo comunque mettere un chrome browser ho preferito attualmente slimjet perchè usandolo pochissimo per lo stesso problema, anche se regge molto meglio a vivaldi, ha la caratteristica di non installarsi e quello di essere portatile ed eseguibile in una cartella occasionale nella mia Home  :)
Ora ho visto anche Brave con questa caratteristica; ho scaricato l'rpm per linux e scompattandolo in una cartella apposita l'ho eseguito correttamente senza problemi.
Che dire: lo trovo carino con un interfaccia decisamente migliore di quella di Chrome classico; sarà un piacere sicuramente utilizzare occasionalmente anche lui dopo seamonkey, firefox e otter browser.
Ciao
Francesco bat

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.