Autore Topic: Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale  (Letto 410 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vegan

  • Post: 24
Re:Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale
« Risposta #15 il: 26 Maggio 2021 14:07:05 »
Aspetta aspetta...vediamo se ho capito bene.
Step 1: la prima volta che applico Synchredible alla mia situazione, succede che la cartella IMAP posta ricevuta, viene COPIATA in una cartella locale. Ipotizziamo che la cartella occupi 3 Gb, la copio in locale ed avrò una cartella da 3Gb.
Step 2: poi succede che con un altro processo di sincronizzazione copia la cartella locale dello step 1, in un'altra cartella locale. Altri 3 Gb.
Step 3: passano un paio di ore e risincronizzo il tutto. Quindi quello che è contenuto nella cartella IMAP viene COPIATO...dove? Nella cartella locale principale? Quindi mi si creerà un file di almeno altri 3Gb, solo per memorizzare le email arrivate nelle ultime due ore?

Non credo di aver capito... La parte del "e così via..." credo di non averla capita bene.

Se hai voglia e tempo, puoi spiegarmi meglio i passaggi?

Grazie mille.

V.

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 32555
Re:Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale
« Risposta #16 il: 26 Maggio 2021 16:07:25 »
Allora, non è questo il Forum di supporto a Synchredible, ma ormai siamo in ballo.  :roll:

Ti semplifico l'esempio.
1) Su un PC abbiamo una cartella di Thunderbird (il fatto che sia IMAP mettiamolo per il momento da parte), chiamiamola "Test".
Nella cartella "Test" ci sono 3 Gb di messaggi (che è tanto, ma visto che l'esempio l'hai proposto tu, accettiamolo).

2) Tramite Synchredible, la precedente cartella la sincronizziamo con l'omonima cartella "Test" presente in Cartelle Locali in C:, cartella "Test" che abbiamo  creato in precedenza, ovviamente vuota.
Attenzione: la sincronizzazione io la preferisco sempre monodirezionale, cioè dalla prima alla seconda e non viceversa per ovvi motivi.
Andiamo avanti.

3) Dopo la sincronizzazione del punto precedente, anche la cartella "Test" contenuta in Cartelle Locali in C: pesa 3 GB, come ovvio.

4) Creata la prima cartella di backup (quella al punto 2), avviamo un ulteriore backup dalla cartella "Test" contenuta in Cartelle Locali in C: a "Test"contenuta in Cartelle Locali in F: (una unità esterna, presa ad esempio, ma va bene anche un'unità interna diversa se il disco è partizionato oppure semplicemente una directory diversa).

5) Dopo la sincronizzazione del punto precedente, anche la cartella "Test" contenuta in Cartelle Locali in F: pesa 3 GB, come ovvio.

6) Attenzione adesso.
Nella originaria cartella "Test" arrivano una ventina di email.
Avviando la sincronizzazione (NON la copia, la sincronizzazione), Synchredible aggiunge soltanto queste email all'archivio "Test" contenuta in Cartelle Locali in C:*.
Ora quindi abbiamo due cartelle perfettamente identiche (perché la seconda dovrebbe pesare il doppio della prima se ne è la copia speculare?) per dimensioni e data di modifica.

7) Proseguiamo.
Avviando la seconda sincronizzazione (NON la copia, la sincronizzazione), Synchredible aggiunge soltanto queste email all'archivio "Test" contenuta in Cartelle Locali in F:.
Ora quindi abbiamo tre cartelle perfettamente identiche per dimensioni e data di modifica.

Questo procedimento credo sia abbastanza comprensibile.
Ma non fermiamoci qui e cerchiamo il pelo nell'uovo di miki64.
"Scusa, miki64, ma perché allora la seconda attività non comprende il fatto di sincronizzare direttamente dalla cartella principale alla omonima cartella presente in F.?"

Potremmo anche fare così, ma l'esperienza mi ha insegnato che sbagliando si impara.

Infatti io nei miei backup (se fai una ricerca, scoprirai che il mio PC desktop ha 4 dischi fissi + 1 removibile...) tengo sempre presente una possibilità: e se dalla cartella principale (la "madre", quella dalla quale è partito tutto il discorso) cancello per errore un video, un'immagine, un foglio di calcolo (o un messaggio importantissimo e compatto pure, come nell'esempio che sto illustrando) e poi malauguratamente eseguo la prima attività (cioè dalla cartella "Test" di 3 GB sincronizzo la omonima presente in Cartelle Locali in C:)?
Avrò entrambe le cartelle di 3 GB -1 messaggio email importantissimo!

Ma per fortuna mi salva la cartella "Test" contenuta in Cartelle Locali in F:, nella quale c'è la posta di 3 GB ma è ancora presente il messaggio che non ho ancora sincronizzato (e quindi non è stato ancora cancellato).

In sintesi, qual è il segreto?
È quello che a me non servono dischi RAID o altro, semplicemente io costantemente effettuo la sincronizzazione su una prima unità, mentre la sincronizzazione sulla seconda unità la faccio sempre dopo un bel po' di tempo.
Inutile dirti che la sincronizzazione sulla terza unità la faccio sempre dopo un bel po' di tempo ancora.
E ovviamente la sincronizzazione sulla quarta unità la faccio sempre dopo un bel po' di tempo ancora.

Il segreto è questo: differire la sincronizzazione monodirezionale in modo da essere SEMPRE in grado di tornare indietro nel tempo e recuperare quanto inopinatamente perduto per sempre (sulle altre unità, ovvio).

Spero di essere stato chiaro.
Ricapitolo?
Ricapitolo: io posso sincronizzare una determinata cartella quante volte voglio nelle directory che voglio, MA solo la prima sincronizzazione deve essere maniacalmente costante, le altre è meglio che presentino un certo distacco temporale. In tutti i casi, la sincronizzazione non ti raddoppia lo spazio occupato poiché le cartelle sono una uguale all'altra (tranne lievi differenze per quelle in differita).

Non uso il sistema RAID proprio per non propagare istantaneamente l'errore sugli altri dischi, preferisco ragionarci io su quello che sto facendo.
--
* L'IMAP e il formato MBOX di Thunderbird meritano un discorso  parte che però qui non approfondisco per non confondere le idee.


--
"Figliolo, nella vita non combatti battaglie perché ti aspetti di vincere, le combatti solo perché hanno bisogno di essere combattute."
« Ultima modifica: 26 Maggio 2021 16:12:07 da miki64 »

Offline Vegan

  • Post: 24
Re:Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale
« Risposta #17 il: 26 Maggio 2021 16:21:03 »
ok, adesso ho capito molto meglio il tuo discorso.
Si in effetti si potrebbe fare così, rinunciando alla facilità d'uso e alla versatilità di Mailstore, che essendo un programma pensato apposta per questo, certamente rimane più semplice e facile da usare. Mi è capitato infatti di dover cercare email vecchie anche di 2 o 3 anni, ed una volta persino di 8 anni fa. Per quanto uno possa diluire nel tempo i backup, credo che già 2 anni siano un arco temporale non compatibile con il procedimento da te descritto.
Però è cmq un'idea per avere un surrogato a buon prezzo. Mailstore in versione home è gratis, come dicevo, ma consente di configurare solo 3 account ad installazione.
Ci sarebbe la versione portable, che potrebbe essere ingannata usandola su diverse unità esterne ma...oltre al fatto che non è bello ingannare così i software gratuiti, c'è il discorso che le versione portable non sono sempre stabili.

Grazie mille.

V.

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 32555
Re:Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale
« Risposta #18 il: 26 Maggio 2021 16:26:38 »
... Mi è capitato infatti di dover cercare email vecchie... persino di 8 anni fa.
Perdonami, per questi casi però c'è una soluzione "gratis" on cloud di 15 GB... fai un redirect su una casella Gmail e vedrai che lo "spione" di Google ti farà trovare anche quello che via via cancellerai, se ne avrai bisogno...  :fischio:

Ciao.

--
"Figliolo, nella vita non combatti battaglie perché ti aspetti di vincere, le combatti solo perché hanno bisogno di essere combattute."

Offline Vegan

  • Post: 24
Re:Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale
« Risposta #19 il: 26 Maggio 2021 18:42:14 »
Il redirect ha un problema: segna tutte le email della casella che va a controllare, come email "lette".
Mi spiego meglio: avevo una casella su virgilio.it e mi ero creato una casella su gmail. Poi avevo impostato gmail affinché andasse a leggere le email di quella casella ma chi controllava virgilio.it, si ritrovava tutte le email contrassegnate come "lette".
Allora ho dovuto attivare l'inoltro DA virgilio VERSO gmail. Ma la posta che invio da virgilio, su gmail non me la ritrovo. Se non ricordo male.

Cmq grazie, ho raccolto molti elementi utili per impostare le cose al meglio.

Ciao

V.

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 32555
Re:Salvare automaticamente i messaggi Imap in una cartella locale
« Risposta #20 il: 26 Maggio 2021 19:10:20 »
Il redirect ha un problema.....
Devi vedere, in questo caso, un redirect più come un archivio che come un gestore di posta elettronica.
Personalmente NON vedo neppure la webmail di Gmail nuda e cruda come un gestore efficiente di posta elettronica quando ci sono due o più account, per me un client come Thunderbird è insostituibile!



--
"Figliolo, nella vita non combatti battaglie perché ti aspetti di vincere, le combatti solo perché hanno bisogno di essere combattute."

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.