Autore Topic: Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?  (Letto 20370 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #105 il: 28 Settembre 2023 18:48:04 »
Sul Blog di Fjordmail alcuni anni fa avevano pubblicato due post in lingua inglese con alcune idee abbastanza condivisibili o comunque comprensibili:

Perché dovrei pagare per una casella e-mail?
Copia Wayback Machine
Il paradosso delle caselle gratuite, cioè perché gratis in realtà non significa gratis (traduzione non letterale al 101% del titolo)
Copia WayBack Machine


Alcune di queste idee formano la base che costituisce il sostegno della scelta per il passaggio a delle caselle premium in cui il contenuto della corrispondenza non è adoperato per motivi di profilazione e a fini di pubblicità mirata (Mi piacciono i ceci e la cucina, vuoi imparare a preparare l'hummus e i falafel e magari anche la pita? Spot mirato!)...
« Ultima modifica: 07 Febbraio 2024 23:39:36 da deckard »

Online next

  • Post: 2965
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #106 il: 29 Settembre 2023 11:10:35 »
Alcune di queste idee formano la base che costituisce il sostegno della scelta per il passaggio a delle caselle premium

Ci sta, sono anche considerazioni condivisibili.
Ciò che personalmente mi è piaciuto poco è questo approccio da àut àut in cui ti danno poche settimane per decidere se chiudere l'account o passare alle versioni a pagamento. Per chi ha una casella email da molti anni, quel periodo è incredibilmente breve per sistemare tutto (account associati, indirizzi di recupero, contatti personali e via di seguito). Specie quando questo arriva in un contesto in cui invece agli utenti era stato offerto un servizio "gratuito". Ci sarebbero stati molti modi meno traumatici di gestire le transizioni da email.it e ora da inbox.com, ad esempio:
* Conversione a casella minimale gratuita di pochi MB per essere rintracciabili anche da chi avesse solo il vecchio indirizzo.
* Casella base con pagamento simbolico (che so, 1 euro al mese) limitata rispetto alle versioni complete
* Congruo periodo (diciamo 6 mesi) di inoltro gratuito ad un nuovo indirizzo prima del passaggio obbligatorio ad un piano gratuito

Ovviamente nulla di tutto ciò è dovuto. Però sarebbe stato un segnale di attenzione agli utenti che magari sarebbe anche stato premiato.

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #107 il: 29 Settembre 2023 19:14:52 »
Tutte le caselle gratuite hanno la necessità di essere economicamente sostenibili per il provider indipendentemente dai valori morali ed etici dell'utenza e dei proprietari.
Forse chi gestisce la piattaforma è consapevole di non poter dire “o accetti la profilazione, la pubblicità e i cookie intersito o scegli un abbonamento” e la ragione è che ritengono tale affermazione contraria alla loro etica.
Forse chi gestisce la piattaforma è consapevole di non poter dire “se hai una casella gratuita non puoi adoperare la protezione antitracciamento e il blocco della pubblicità” e la ragione è che ritengono tale affermazione contraria alla loro etica a partire dalla presenza di forme di tracciamento e di inserzioni pubblicitarie.
Anche io sarei stato favorevole a delle caselle con livelli diversi di prezzo e a una casella gratuita senza possibilità di adoperare un client email, ma solo la webmail. Capisco però di non poter vantare pretese, ma solo avere delle speranze.

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #108 il: 01 Novembre 2023 17:30:15 »
Ho sempre affermato convinto che i prodotti open source - tranne rare eccezioni - hanno dei nomi orribili o banali... ma questo li batte tutti!

Si tratta del prodotto open source chiamato Skiff che offre anche un piano gratuito e fino a 4 alias, uno spazio cloud gratuito di 10 GB, un calendario e altro.
A parte il nome si sa se è affidabile?
[Omissis...]
Guardando sul sito de “Le Alternative” mi sembra di capire che è abbastanza affidabile, che prevede la possibilità d'adoperare la cifratura E2E, ma non è esente da difetti.

Offline Iceberg

  • Moderatore
  • Post: 9018
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #109 il: 13 Novembre 2023 14:23:31 »
Tutanota ora si chiama Tuta.
Perché avere un nome di sole 4 (dicasi quattro) lettere è una esperienza fantastica.
Now Tuta is the world's only secure email platform offering a four-letter com domain.

In ogni caso resta la casella gratuita, in alternativa a quella da 3 euro al mese o 8 euro al mese.
Il nome di sole 4 lettere non è disponibile per l'opzione gratuita per la quale il nome rimane tutanota.
Opzione gratuita che prevede 1 GB di spazio, un semplice calendario e nulla di più ma praticamente tutte le funzioni di sicurezza.

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #110 il: 13 Novembre 2023 22:17:12 »
“Every time you use encryption, you are protecting someone who needs to use it to stay alive.” Bruce Schneier.

Why we encrypt. https://www.schneier.com/blog/archives/2015/06/why_we_encrypt.html

10 Best Private Email Services in 2023

10 best free email accounts in 2023

« Ultima modifica: 13 Novembre 2023 22:19:03 da deckard »

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 35478
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #111 il: 14 Novembre 2023 11:45:28 »
Mah... in queste classifiche non mi convince la mancanza di Ik.me (Infomaniak).  :?

Online next

  • Post: 2965
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #112 il: 14 Novembre 2023 16:24:37 »
Mah... in queste classifiche non mi convince la mancanza di Ik.me (Infomaniak).  :?

A me non convincono proprio. Se le pubblica una parte in causa (tipo Tuta*) vuoi che il loro prodotto ne ne venga fuori vincente? Se le pubblica un sito terzo molto spesso lo fa con accordi non espliciti di sponsorizzazione (come con le VPN...). Ormai servono a poco mi sa.
ik.me alla fine lo sto provando... ho creato un indirizzo e ci sto spostando un po' di posta. Le traduzioni lasciano molto a desiderare ma il servizio sembra solido.

* ma a quelli di Tuta glielo avranno spiegato che a noi italiani Tuta non fa venire in mente il latino tutus ma un ben più modesto capo di abbigliamento  :D
Che poi battuta a parte il nome di una casella email deve essere facile da pronunciare e da scrivere perché ti capiterà inesorabilmente di doverlo dettare al telefono mentre sei in treno ad un interlocutore distratto a sua volta alle prese con la prole rumorosa. Io ne so qualcosa avendo avuto per anni un indirizzo con l'underscore  :sbat:

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 35478
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #113 il: 14 Novembre 2023 18:35:01 »
il nome di una casella email deve essere facile da pronunciare e da scrivere perché ti capiterà inesorabilmente di doverlo dettare al telefono
Concordo con te, ma Iceberg ci ha già svelato la "fregatura"...
Il nome di sole 4 lettere non è disponibile per l'opzione gratuita per la quale il nome rimane tutanota.

Ora, dillo ad un italiano <<...chiocciola tutanota punt...>> e quello ti interromperà immediatamente: <<Eeeehhh?>>. Molto probabile poi che sbagli le consonanti e lo scriva con un paio di "t" qui e lì...  :lol:

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #114 il: 15 Novembre 2023 12:41:15 »
Posso dire con tutto il dovuto rispetto che fornire un indirizzo di posta elettronica obbliga a scandirlo ponendo la giusta attenzione per le difficoltà di chi ascolta e che però limitarsi a dire soltanto <<Eeeehhh?>> trasmette principalmente il pressapochismo e la approssimazione di chi sente senza ascoltare? A maggior ragione se poi l'altra persona trascrive senza neanche verificare d'averlo fatto correttamente... ¬{[(Sono disposto ad ammettere che Tutanota sia poco conosciuto, ma rispondere dicendo “Potresti scandire meglio, per favore?” trasmetterebbe un messaggio diverso...)]}
Per il resto sono consapevole del fatto che se si chiede all'oste com'è il vino la risposta sarà sempre: “Ottimo, scende giù che è un piacere!!!”
Trovare delle classifiche veramente indipendenti e non sponsorizzate è difficile.
Ciò nonostante la cifratura e la protezione della posta hanno la loro importanza e Bruce Schneier ha le sue ragioni per parlarne.

Il latino tutus è stato scelto credo proprio per star ad indicare posta sicura, difesa, protetta, senza pericoli, al riparo, a fronte di un comportamento cauto, avveduto, prudente, circospetto, sia da parte del fornitore di posta elettronica che da parte dell'utente.
Il fatto che venga in mente il ben più modesto capo di abbigliamento e che non si ragioni sul significato più “europeo” o “globale” del nome ai miei occhi dice molto, davvero molto... rispettosamente parlando, ovviamente...

Offline miki64

  • Moderatore
  • Post: 35478
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #115 il: 15 Novembre 2023 13:11:30 »
Scusa l'OT, ma
Il fatto che venga in mente il ben più modesto capo di abbigliamento e che non si ragioni sul significato più “europeo” o “globale” del nome ai miei occhi dice molto, davvero molto... rispettosamente parlando, ovviamente...
statisticamente "è normale"...  :fischio:

Online next

  • Post: 2965
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #116 il: 15 Novembre 2023 15:47:33 »
Ciò nonostante la cifratura e la protezione della posta hanno la loro importanza e Bruce Schneier ha le sue ragioni per parlarne
Infatti mi sono chiesto spesso quanto sarebbero diverse le cose oggi se PGP avesse preso piede e se anche solo un buon 30% delle email viaggiasse cifrato... Ma sarebbe un discorso lungo...

non si ragioni sul significato più “europeo” o “globale” del nome ai miei occhi dice molto, davvero molto... rispettosamente parlando, ovviamente...
Sai, alla fine penso che non ci sia materialmente il tempo di approfondire ogni cosa. Se Fiat vende la Panda, ci sta che il pubblico pensi al peloso mangiatore di bambù piuttosto che alla divinità romana protettrice delle strade e dei viaggiatori  :fischio:

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #117 il: 16 Novembre 2023 11:31:32 »
Ciò nonostante la cifratura e la protezione della posta hanno la loro importanza e Bruce Schneier ha le sue ragioni per parlarne
Infatti mi sono chiesto spesso quanto sarebbero diverse le cose oggi se PGP avesse preso piede e se anche solo un buon 30% delle email viaggiasse cifrato... Ma sarebbe un discorso lungo...

Trama di un LIBRO -- SCENEGGIATURA di un Film...
Fase del Rifiuto e Negazione.
In molti avrebbero cercato di rifiutare l'esistenza della cifratura e di ostacolare il suo sviluppo e la diffusione. Questo perché non bisogna nascondere le conversazioni e si deve agevolare le indagini, bla,bla, bla et cetera
Fase della Rabbia.
Fase in cui ci si arrabbia perché ci si accorge che la realtà è più complicata di quanto si pensasse e la risposta non è semplice come si vorrebbe che fosse.
Stadio della Patteggiamento e della Contrattazione.
Si cerca di mediare ragionatamente o dittatorialmente le varie esigenze.
Fase della Depressione.
Gli sforzi trasformano la Rabbia in Depressione, forse perché il patteggiamento non è andato nella direzione sperata.
Fase della Accettazione.
Forse si arriva ad accettare determinate conclusioni. Non so quali....
Come direbbe Obi Wan Kenobi o qualcun altro ancora (qualcuno ha detto Han Solo, Luke o Leia Organa?): “I have a bad feeling about this!”
« Ultima modifica: 08 Febbraio 2024 00:00:18 da deckard »

Offline deckard

  • Post: 3663
Re:Qual è il miglior fornitore del servizio di posta elettronica?
« Risposta #118 il: 13 Febbraio 2024 20:04:54 »
Ho sempre affermato convinto che i prodotti open source - tranne rare eccezioni - hanno dei nomi orribili o banali... ma questo li batte tutti!

Si tratta del prodotto open source chiamato Skiff che offre anche un piano gratuito e fino a 4 alias, uno spazio cloud gratuito di 10 GB, un calendario e altro.
A parte il nome si sa se è affidabile?
[Omissis...]
Guardando sul sito de “Le Alternative” mi sembra di capire che è abbastanza affidabile, che prevede la possibilità d'adoperare la cifratura E2E, ma non è esente da difetti.
Notizia dal sito “Le Alternative”: Skiff è stata aquisita da Notion (e non esisterà più).

Prendete la seconda affermazione con molto beneficio d'inventario:
Il Browser Vivaldi nelle impostazioni per la componente Mail (Posta Elettronica) {[(Sì, lo so che non regge il confronto con altri client e so anche quali sono dei difetti e dei punti controversi di Vivaldi, ma mi riservo di parlarne in altra sede)]} dicono:
Non hai un indirizzo email?
Abbiamo una selezione di provider email affidabili tra cui puoi scegliere.
Per ora l'elenco si compone solo di Vivaldi.net (outsider, ma non necessariamente da cestinare. Ovvio che i consigli per essere affidabili non possono essere autoreferenziali) e Fastmail.
Fastmail che non è la casella di un noto provider italiano e la app per android è quella del provider Australiano (con buona pace di chi va a fare recensioni sul Google Play Market: 1 Stella, non funziona un benemerito caspita!!1!) {[(Come già fatto notare altrove da Next)]}

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.